FISCO » Tributi Locali e Minori » IMU e IVIE

Ravvedimento Dichiarazione IMU: come si procede

21 Maggio 2024 in Notizie Fiscali

Entro il 30 giugno va presentata la dichiarazione IMU 2024 e a tal fine è stato pubblicato il relativo modello nella GU n 112 DEL 15 maggio.In proposito leggi anche: IMU/IMPI 2024: nuovo modello di dichiarazione.

Per chi non dovesse provvedere alla dichiarazione, entro il termine fissato, è bene conoscere il chiarimento fornito dal MEF durante la recente edizione di Telefisco 2024, prima però, ricordiamo le regole generali per la dichiarazione IMU.

Dichiarazione IMU 2024: termini e modalità di presentazione 

Entro il 30 giugno 2024 va presentata la dichiarazione IMU per l'anno 2023. 

Nel dettaglio, la dichiarazione IMU:

  • deve essere presentata, 
  • o, in alternativa, trasmessa in via telematica, 

entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello:

  • in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio,
  • o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta. 

Attenzione al fatto che, la dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.

Ravvedimento Dichiarazione IMU: il MEF ne chiarisce i termini

Tornando al chiarimento fornito lo scoro 1° febbraio, dal MEF, Ministero delle Finanze, per i tributi locali e quindi anche per l'IMU, una dichiarazione presentata con ritardo oltre 90 giorni è considerata dichiarazione tardiva e non omessa.

Il MEF afferma infatti che, per i tributi locali è possibile perfezionare il ravvedimento dell’omessa dichiarazione anche se questa viene presentata, con un ritardo, rispetto al temine ordinario, superiore a 90 giorni.

Ricordando che l'art 13 comma 1 lett c) del Dlgs n 472/1997 consente di regolarizzare l’omessa dichiarazione, mediante ravvedimento operoso, se la dichiarazione viene presentata con un ritardo non superiore a 90 giorni, versando la sanzione per omessa dichiarazione ridotta a un decimo del minimo e i relativi interessi.

Secondo il chiarimento reso il 1 febbraio, gli articoli 2 comma 7 e 8 comma 6 del DPR n 322/98 applicabili all'imposta sui redditi, IRAP e IVA non si applicano ai tributi locali.

Pertanto, il ravvedimento operoso per i tributi locali, tra cui appunto l'IMU, può essere applicato anche per ritardo superiore a 90 giorni considerandola una dichiarazione tardiva.

Risulterebbe quindi superato il chiarimento MEF della Circolare n 1/2013 dove si specificava la possibilità di ravvedere l’omessa dichiarazione IMU solo entro 90 giorni dal termine di presentazione della dichiarazione.

Attenzione, è bene verificare con il proprio Comune se esso si conforma all'orientamento ministeriale su citato, oppure no.

Sul ravvedimento operoso ti consigliamo di leggere: Ravvedimento operoso 2023: sanzioni e codici tributo per mettersi in regola.

.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154