LAVORO » Lavoro » Sicurezza sul Lavoro

Sicurezza sul lavoro: finanziamenti INAIL alle imprese

30 Gennaio 2012 in Speciali

Il nuovo Testo Unico per la sicurezza prevede che l’INAIL finanzi progetti per il miglioramento delle condizioni salute e sicurezza nei luoghi di lavoro rivolti in particolare alle piccole, medie e micro imprese. Il bando pubblicato 27 dicembre 2011 in Gazzetta Ufficiale n. 300 permette alle imprese di accedere alle risorse stanziate dall’Istituto che ammontano a 205 milioni di euro, ripartiti in budget regionali, in funzione del numero di lavoratori e del rapporto di gravità degli infortuni rilevato sul territorio.

Possono essere presentati progetti di investimento e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

I destinatari dei finanziamenti sono Imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura.

Riportiamo una sintesi del bando.

Interventi ammessi al contributo

Progetti di investimento volti alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, quali

  • ristrutturazione o modifica strutturale e/o impiantistica degli ambienti di lavoro;
  • installazione e/o sostituzione di macchine, dispositivi e/o attrezzature;
  • modifiche del layout produttivo;
  • interventi relativi alla riduzione/eliminazione di fattori di rischio quali, ad esempio: esposizione ad agenti biologici, sostanze pericolose, agenti chimici, agenti fisici (rumore, vibrazioni, radiazioni ionizzanti/non ionizzanti, radiazioni ottiche artificiali), movimentazione manuale di carichi e movimenti ripetuti, ecc.

Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, quali:

  • sistemi di gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro previsti da accordi INAIL – Parti sociali o certificati;
  • modelli organizzativi e gestionali idonei a prevenire reati di omicidio o lesioni colpose gravi commesse in violazione alle norme sulla tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • sistemi di responsabilità sociale certificati.

Ammontare del contributo

L’incentivo è costituito da un contributo a fondo perduto nella misura del 50 % dei costi del progetto.
Il contributo massimo è pari a 100.000,00 euro, il contributo minimo erogabile è pari a 5.000,00 euro.

Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di spesa.

Per i progetti che comportano contributi superiori a 30.00,00 euro è possibile richiedere un’anticipazione del 50%.

L’agevolazione è relativa ad una sola domanda per impresa per regione ed ad un solo progetto per un solo fattore di rischio per una sola unità produttiva per ogni impresa, salvo il caso di adozione di modelli organizzativi che possono riguardare tutti i lavoratori facenti capo alla stessa ipresa.

Modalità e tempi di presentazione della domanda

Le domande devono essere presentate in modalità telematica, sul sito www.inail.it – Punto Cliente, fino alle ore 18:00 del 7 marzo 2012, secondo le seguenti 3 fasi successive:

  • Compilazione della domanda: le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà l’inserimento della domanda, con la possibilità di effettuare tutte le simulazioni e modifiche necessarie, allo scopo di verificare che i parametri associati alle caratteristiche delle imprese (dimensione aziendale, rischiosità dell’attività, numero dei destinatari, ecc.) e del progetto siano tali da determinare il raggiungimento del punteggio minimo di ammissibilità pari a 105 (punteggio soglia).
  • Salvataggio della domanda on-line: al termine dell’inserimento della domanda nella procedura informatica, le imprese, la cui domanda salvata abbia raggiunto il punteggio soglia, riceveranno un codice identificativo.
  • Invio della domanda on-line: le domande di ammissione al contributo, inserite, salvate e non più modificabili, verranno inviate, attraverso lo sportello informatico, utilizzando il codice identificativo attribuito.

La data e l’ora dell’apertura e la data e l’ora della chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicate sul sito www.inail.it a partire dal 14 marzo 2012 secondo il calendario che sarà pubblicato sullo stesso sito dell’ INAIL, regione per regione, in modo da evitare problemi di ingorgo.

Lo sportello informatico registrerà le domande in ordine cronologico di arrivo e invierà all’impresa un messaggio attestante la corretta presa in carico dell’invio.

Successivamente l’ INAIL invierà all’impresa, attraverso la PEC (Posta Elettronica Certificata), la ricevuta dell’invio della domanda con evidenza del codice identificativo, numero di protocollo, data e ora in cui la domanda è stata registrata dallo sportello informatico.

Scaduto il bando la procedura prevede:

  • la comunicazione di ammissibilità da parte dell’ INAIL;
  • l’invio, da parte dell’impresa, entro i 30 giorni successivi alla comunicazione di ammissibilità, tramite PEC, o posta o consegna a mano, della stampa della domanda, dei documenti relativi al progetto e al possesso dei requisiti dichiarati, pena l’esclusione;
  • la verifica, da parte dell’ INAIL , della documentazione entro i 120 giorni successivi e la comunicazione all’azienda.

In caso di ammissione all’incentivo, l’impresa ha un termine massimo di 12 mesi per realizzare e rendicontare il progetto, non sono ammissibili le spese avviate prima della data della comunicazione di ammissione al contributo.

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154