FISCO » Manovre Fiscali » Attualità

Protocollo sicurezza cantieri contro il COVID19

28 Aprile 2020 in Speciali

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti  ha sottoscritto lo scorso venerdi 24 aprile  con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali,  e le parti sociali ANCI, UPI, Anas S.p.A., RFI, ANCE, Alleanza delle Cooperative, Feneal Uil,  Filca – CISL e Fillea CGIL il  nuovo Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID – 19 nei cantieri. Il 27 aprile la ministra del lavoro De Micheli ha comunicato l'adesione  al protocollo per i cantieri  anche di Confartigianato, Cna, Claai, Casartigiani e Confapi.

Il documento (allegato in fondo a questo articolo ) aggiorna il precedente firmato a marzo adeguandolo alle previsioni del Protocollo generale per la sicurezza del 24 aprile  ed acquista particolare importanza anche per la contestuale decisione di riapertura delle attività edilizie a partire dal 4 maggio 2020, previste dall'ultimo DPCM 26.4.2020.

Le regole principali  sono  suddivise in specifiche sezioni dedicate ai vari aspetti :

  • Obblighi informativi del  datore di lavoro a tutti i lavoratori e a chiunque entri nel cantiere,
  • utilizzo dei dispositivi di protezione individuale,
  • modalità di accesso dei fornitori esterni ai cantieri,
  • pulizia e igiene nel cantiere e gestione degli spazi comuni (mense, spogliatoi), 
  • riorganizzazione del cantiere (turnazione, rimodulazione del cronoprogramma delle lavorazioni),
  • gestione di una persona sintomatica in cantiere.

Inoltre vengono forniti esempi di casi in cui puo essere prevista esclusione dalle penali per ritardi o mancata consegna nei lavori di cantiere per i datori di lavoro, a causa dell'emergenza Coronavirus. 

Per quanto riguarda l'obbligo di  INFORMAZIONE  il datore di lavoro, a è tenuto ad informare tutti i lavoratori e chiunque  entri nel cantiere circa le disposizioni delle Autorità, consegnando e/o affiggendo all’ingresso del     cantiere e nei luoghi maggiormente frequentati appositi cartelli visibili che segnalino le corrette
modalità di comportamento e gli obblighi connessi. Ad esempio:

  •  controllo della  temperatura corporea. Se superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso  al cantiere. (Per rispetto della privacy i dati non vanno registrati) e  accettazione del fatto di non poter fare ingresso o di poter permanere  in cantiere
  •  impegno  per chi entra a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del datore di lavoro  per la sicurezza  (in particolare: mantenere la distanza di sicurezza, utilizzare gli strumenti di  protezione individuale messi a disposizione durante le lavorazioni che non lo consentano , segnalare eventuali sintoomi influenzali ,  provenienza da zone a  rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti).
     

Indicazioni operative per i datori di lavoro

MODALITA’ DI ACCESSO DEI FORNITORI ESTERNI AI CANTIERI

  • individuare procedure e percorsi predefiniti
  • Se possibile, gli autisti dei mezzi di trasporto devono rimanere a bordo dei propri mezzi oppure rispettare la distanza minima di un metro
  • No all’accesso ai locali chiusi comuni del cantiere
  • Predisposizione di servizi igienici riservati

PULIZIA E IGIENE NEL CANTIERE

 Va assicurata la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica :

  • degli spogliatoi e delle aree comuni
  • dei servizi igienici
  • mezzi d’opera con le relative cabine di guida con prodotti  previsti dalla circolare del ministero della salute

Le persone devono in particolare adottare  frequente e minuzioso lavaggio delle mani con  appositi  prodotti disinfettanti messi a disposizione

La periodicità della sanificazione verrà stabilita dal datore di lavoro previa consultazione del medico competente e di RSPP e RLS

GESTIONE SPAZI COMUNI

L’accesso agli spazi comuni (uffici, mense, spogliatoi) va contingentato per assicurare la distanza di sicurezza di un metro con

  • tempi ridotti di permanenza,
  • ventilazione continua dei locali

ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE

  • turnazione dei lavoratori
  • gruppi autonomi, distinti e riconoscibili
  •  diversificazione  orari  di entrata ,  sosta e all’uscita
  •  Nei cantieri con  numero di occupati superiore a 250 unità) il datore di lavoro deve assicurare il presidio sanitario

GESTIONE DI UNA PERSONA SINTOMATICA IN CANTIERE

  In presenza di febbre superiore ai 37,5° e sintomi di infezione respiratoria quali la tosse, la persona

  1. deve dichiararlo immediatamente al datore di lavoro o al direttore di cantiere
  2. va isolata in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria.
  3. Il datore di lavoro collabora con le Autorità sanitarie per l’individuazione degli eventuali “contatti stretti”
  4. si provvede alla sanificazione dei luoghi e degli strumenti di lavoro

 

Ipotesti di esclusione della responsabilita per mancata consegna dei lavori

Come detto e come previsto dal DL 18 2020 , il prorocollo esemplifica alcuni casi ( non esaustivi) in cui puo essere prevista l'esclusione dalle penali per ritardi o mancata consegna nei lavori di cantiere per i datori di lavoro, a casua dell'emergenza Coronavirus:

  • se la lavorazione da eseguire in cantiere impone di lavorare a distanza interpersonale minore di  un metro, e non sono possibili altre soluzioni organizzative diverse e non sono disponibili, sufficienti, mascherine e altri dispositivi di protezione ( deve essere documentato  l' ordine del materiale di protezione individuale e la sua mancata  consegna nei termini)
  • se l’accesso agli spazi comuni, per esempio le mense, non può essere contingentato, oppure non  è possibile assicurare il servizio di mensa in altro modo per assenza,  di esercizi commerciali, in cui consumare il pasto,
  • se  si accerta un caso di lavoratore affetto da COVID-19 e  necessità di porre in quarantena  tutti i lavoratori che siano venuti a contatto  con  conseguente
  • sospensione delle lavorazioni;
  • se il dormitorio non abbia le caratteristiche minime di  sicurezza richieste e/o non siano possibili altre soluzioni organizzative
  • per   indisponibilità di approvvigionamento di materiali, mezzi, attrezzature e maestranze  funzionali alle specifiche attività del cantiere

Allegati:

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154