FISCO » Dichiarativi » Dichiarazione 730

730/2015: è arrivata la proroga al 23 luglio

2 Luglio 2015 in Speciali
Con un atteso comunicato stampa, il Mef anticipa il contenuto di un decreto del consiglio dei ministri del 26.06.2015 (in fase di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) con cui verrà disposta la proroga del modello 730/2015 (sia precompilato sia ordinario). Secondo il comunicato, la scadenza, in origine fissata al 7 luglio, slitterebbe al 23 luglio 2015. La proroga è quasi ufficiale, manca solo la pubblicazione in Gazzetta del relativo Dpcm. Il differimento riguarda l’invio attraverso i Caf e i professionisti abilitati, ed è condizionato al fatto che essi entro il 7 luglio 2015 abbiano effettuato la trasmissione di almeno l’80% dei modelli 730. Il motivo è evitare che molti contribuenti siano penalizzati dal ritardo del rimborso, inevitabile nel caso in cui il caf o l’intermediario invii il modello oltre la scadenza del 7 luglio.
 

Le scadenze dei dichiarativi 2015

 
Dichiarazione
Termine
Modello 730/2015
sia ordinario che precompilato
7.7.2015
(per contribuenti che spediscono autonomamente la dichiarazione e per i sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale)
23.7.2015
(per caf e professionisti che entro il 7.7.2015 abbiano inviato almeno l’80% dei modelli 730/2015)
Modello 770/2015
31.07.2015
Mod. Unico PF/2015
Dal 2.5.2015 al 30.06.2015 cartaceo
30.09.2015 telematico
Mod. Unico SP/2015
30.09.2015
Mod. Unico SC/2015
30.09.2015
Per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare
Ultimo giorno del 9° mese successivo a quello di chiusura
del periodo d’imposta
Mod. Irap/2015
30.09.2015
Per i soggetti Irpef e società di persone
Ultimo giorno del 9° mese successivo a quello di chiusura
del periodo d’imposta
per i soggetti ires
Mod. Iva/2015
Dal 01.02.2015 al 30.09.2015 Autonoma
30.09.2015 Unificata
 

Proroga 730/2015

La proroga del modello 730/2015 si applica solo ai professionisti e ai Caf e a condizione che entro il 7 luglio abbiano effettuato l’invio di almeno l’80% dei modelli 730/2015. Se questa condizione sussiste, tali soggetti potranno inviare il restante 20% entro il 23 luglio 2015. Entro tale data dovranno dunque:
  • consegnare la copia della dichiarazione elaborata e del relativo prospetto di liquidazione;
  • trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate le dichiarazioni elaborate, insieme alle schede di destinazione dell’8, 5 e 2 per mille;
  • comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i risultati contabili delle dichiarazioni elaborate per effettuare i conguagli in capo ai dipendenti.
Si ricorda che il differimento del termine di invio comporterà inevitabilmente un ritardo per i contribuenti nell’erogazione dei rimborsi in busta paga o in pensione, in quanto non ci saranno i tempi tecnici per l’erogazione di eventuali crediti Irpef nel cedolino di luglio e si slitterà almeno ad agosto.
 
La proroga non riguarda, invece, i contribuenti intenzionati a spedire autonomamente la dichiarazione e i sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale diretta. Per essi resta ferma la scadenza del 7 luglio.
 

770/2015: la proroga non ci sarà

Si segnala che nel corso del question time del 1° luglio 2015 il ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan ha affermato che non ci sono ragioni tecniche per un differimento dei termini del modello 770.
 
La scadenza di invio del modello, quindi, resterebbe ferma al 31 luglio 2015.
 

Modalità di presentazione

Il modello 730 precompilato consente da quest’anno di presentare il modello 730 direttamente all’Agenzia delle Entrate, senza l’ausilio di Caf, intermediari o sostituto d’imposta.
 
Il modello Unico PF è l’unico modello che il contribuente, in certi casi può presentare con modalità cartacea, anziché telematica, presso gli uffici postali. In particolare ciò è possibile nei seguenti casi:
  • contribuente che pur possedendo redditi che possono essere dichiarati con il mod. 730, non può presentare il mod. 730;
  • contribuente che pur potendo presentare il mod. 730, deve dichiarare alcuni redditi o comunicare dati utilizzando i relativi quadri del modello UNICO (RM, RT, RW, AC);
  • contribuente che deve presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.
In tutti gli altri casi le dichiarazioni devono essere presentate telematicamente, direttamente o tramite intermediario abilitato
 

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154