FISCO » Manovre Fiscali » Attualità

Autotrasporto merci: il contributo per rinnovare il parco veicoli

14 Ottobre 2014 in Speciali
In presenza dei requisiti, le domande verranno inserite in un apposito elenco, semplicemente secondo l’ordine di spedizione, senza una specifica graduatoria. Il contributo verrà erogato fino ad esaurimento delle risorse disponibili, pertanto la tempestività della spedizione diventa un elemento determinante per l’effettiva fruizione del beneficio. Si consiglia dunque di presentare il prima possibile la domanda, fermo restando che l’effettiva erogazione del contributo avverrà dopo un’accurata fase istruttoria e sarà resa nota sul sito WEB del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.
 

Soggetti beneficiari

Possono usufruire dell’agevolazione solo le imprese di autotrasporto di merci, di qualsiasi dimensione, attive sul territorio italiano (sono comprese anche quelle comunitarie aventi una sede secondaria in Italia), che siano in regola con i requisiti di iscrizione:
  • all’Albo degli autotrasportatori per conto di terzi;
  • al Registro elettronico nazionale (REN), salvo il caso delle imprese che esercitano l’attività con veicoli di massa complessiva inferiore a 1,5 tonnellate, per le quali è sufficiente la sola iscrizione all’Albo.
Ai fini dell’agevolazione non è necessario che l’attività di autotrasporto merci sia l’unica attività esercitata, è possibile infatti fare domanda di ammissione ai contributi anche se l’attività di autotrasporto merci non è esclusiva.

Spese agevolabili

Sono agevolabili le spese per l’acquisizione, anche mediante locazione finanziaria di:
  • autoveicoli, nuovi di fabbrica, a trazione alternativa a gas naturale o biometano, adibiti al trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico:
    • da 3,5 a 7 tonnellate (sono compresi anche i veicoli con massa par a 3,5 tonnellate nonché quelli con massa pari a 7 tonnellate);
    • pari o superiore a 16 tonnellate;
  • semirimorchi, nuovi di fabbrica, destinati in via prevalente al trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5 e al trasporto combinato marittimo dotati di ganci nave rispondenti alla normativa IMO.
Sono escluse le acquisizioni di veicoli effettuate all’estero ed ivi immatricolati, anche se successivamente reimmatricolati in Italia a chilometri zero.
 
Gli investimenti sono finanziabili purché le acquisizioni siano effettuate tra il 19.9.2014 (data di entrata in vigore del DM 307/2014) e il 31.5.2015. Al riguardo farà fede la data del contratto o dell’ordinativo.
Solo per i veicoli non dotati di omologazione alla data del 19.9.2014, il termine ultimo per i finanziamenti è il 30.11.2015.
 
L’importo massimo del contributo per ogni singola impresa è di 500.000 Euro, con riferimento al complesso degli investimenti effettuati dall’impresa.
 
I beni agevolabili acquistati non possono essere alienati, e devono rimanere nella disponibilità del beneficiario del contributo fino al 31.12.2017.

Importo del contributo

L’importo del contributo è diverso in base alla tipologia di veicolo acquistato:
 
VEICOLI
CONTRIBUTO
Autoveicoli  (trasporto di merci) di massa complessiva a pieno carico da 3,5 a 7 tonn.
2.400 €
Autoveicoli  (trasporto di merci) di massa complessiva a pieno carico ≥ 16 tonn.
9.200 €
Semirimorchi  
per il trasporto combinato ferroviario/marittimo
20% dell’intero costo di acquisizione (IVA esclusa), con un tetto massimo di 4.500 €
25%, con un tetto massimo di 6.000 € al sussistere di una di queste condizioni:
1
il nuovo veicolo sia dotato di pneumatici di classe C3 con coefficiente di resistenza al
rotolamento inferiore a 8,0 kg/g (classe efficienza energetica da A ad E), dotati di TPMS(Tyre Pressure Monitoring System)
2
contestualmente all’acquisto vi sia la radiazione (o la dichiarazione del demolitore di richiederla) successiva al 19.9.2014 di un rimorchio / semirimorchio di più di 10 anni.
Tali caratteristiche tecniche devono essere attestate esclusivamente dal costruttore.
 
 

Maggiorazione per le PMI

I contributi sono maggiorati del 10% a favore delle PMI, così come definite nel settore degli aiuti di stato:
 
IMPRESA
N. DIPENDENTI
FATTURATO ANNUO
TOTALE DI BILANCIO
media
Meno di 250
Non superiore a 50 milioni di Euro
Non superiore a 43 milioni di Euro
piccola
Meno di 50 dipendenti
Non superiore a 10 milioni di Euro
micro
Meno di 10 dipendenti
Non superiore a 2 milioni di Euro
 

Come presentare la domanda

La domanda va presentata esclusivamente ad avvenuto avvio dell’investimento, a partire dal 19.9.2014 e fino al 30.11.2014.
 
La domanda deve essere redatta utilizzando il modello:
e deve essere presentata tramite raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: "Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – Dipartimento dei trasporti terrestri – Direzione Generale per il trasporto stradale e per l’intermodalità – Via Giuseppe Caraci, 36 00157 ROMA", o consegnata a mano presso la stessa Direzione generale. In tal caso l’ufficio di segreteria rilascerà apposita ricevuta comprovante l’avvenuta consegna.
 
Ai fini del rispetto dei termini varranno la data di spedizione della raccomandata o la data della consegna a mano.
 

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154