FISCO » Imposte indirette » Bollo e concessioni governative

Aumento imposta di bollo su deposito titoli

11 Luglio 2011 in Speciali

L’imposta di bollo sui dossier titoli potrebbe aumentare da 34,20 euro a 120 euro per 2011 e per il 2012. Nel 2013 sono previsti 150 euro per i dossier titoli sotto i 50.000 euro e 380 euro per chi ha un portafoglio superiore a 50.000 euro (valore nominale o di rimborso complessivo del dossier titoli).

Quali conseguenze per i risparmiatori?

L’aumento dell’imposta di bollo sul deposito titoli colpirà soprattutto i piccoli risparmiatori. La manovra, infatti, ha stabilito un limite per differenziare l’imposta dal 2013: un’imposta di bollo di 150 euro per depositi inferiori a 50.000 euro e di 380 euro per depositi superiori a 50.000 euro. Appare chiaro allora, che chi ha in conto corrente un piccolo portafoglio titoli risentirà di più dell’aumento dell’imposta. Più aumenta il valore dell’investimento in titoli, infatti, minore è l’incidenza del bollo.

Quali conseguenze per il debito pubblico?

Questa misura dovrebbe assicurare 8 miliardi di entrate pubbliche, ma potrebbe tradursi in una vera e propria “fuga dai Titoli di Stato” da parte dei piccoli e medi risparmiatori. Lo Stato allontanerebbe così molti correntisti che, con il loro dossier titoli, contribuiscono a finanziare il debito pubblico.

Un altro elemento da considerare è l’effetto (reale o presunto) della crisi greca sui mercati. Molti investitori non dormono sonni tranquilli. Gli esperti sostengono che per i titoli di breve duration non si corrono grossi rischi, ma ora oltre che con l’inflazione, bisognerà fare i conti con il superbollo. E valutare se investimenti classici e sicuri come, ad esempio, i BOT, siano ancora convenienti per importi medio-bassi.

Un altro problema: la tassazione delle rendite fiscali

In un panorama pieno di incognite, una di queste è anche la tassazione delle rendite fiscali. L’aliquota potrà salire dal 12,5% al 20% nel prossimo triennio. Viene chiarito, però, che il provvedimento non riguarderà i Titoli di Stato, ma azioni, conti correnti, depositi bancari e altri strumenti. Inoltre, la Bce (Banca centrale europea) ha appena alzato i tassi d’interesse dello 0,25% portandoli all’1,5%.

Quali soluzioni?

Se davvero il superbollo verrà approvato, è possibile che molti correntisti che hanno un deposito di piccolo profilo e con prevalenza di Titoli di Stato lo abbandonino e scelgano piuttosto un deposito on line o prodotti assicurativi.
Ad ogni modo, chi vuole continuare a investire dovrebbe seguire le regole di sempre.

– Avere un quadro chiaro delle proprie finanze: quali progetti, quali acquisti ci sono in previsione? I risparmi da investire sono gli unici o sono solo una parte?
Informarsi: sapere il più possibile sull’intermediario, sul mercato, sui prodotti.
Diversificare: non investire tutti i risparmi in un unico tipo di prodotto, per ridurre i rischi.
Evitare strumenti difficili da liquidare senza perdita di valore.

Di fatto, al momento, ottenere il massimo rendimento con il minimo rischio rappresenta una sfida alquanto difficile sui mercati.

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154