FISCO » Accertamento e riscossione » Voluntary Disclosure

Voluntary disclosure, come si determinano i rendimenti

20 Luglio 2015 in Notizie Fiscali
Nella Circolare n. 27/E/2015 sulla voluntary disclosure, l’Agenzia delle Entrate ha precisato, tra le altre cose, che il metodo forfetario di determinazione dei rendimenti di attività illecitamente detenuti all’estero è applicabile quando la consistenza delle attività patrimoniali nel loro complesso, in una singola annualità, non eccede i 2 milioni di euro. In caso di attività cointestate non rileva, quindi, l’ammontare della singola quota riconducibile al contribuente. Anche l’Ivie e l’Ivafe, inoltre, rientrano nella disclosure, permettendo ai contribuenti di accedere ai relativi benefici.
 

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154