FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Riscossione: è lieve inadempimento anche il pagamento carente entro il 3%

4 Maggio 2016 in Notizie Fiscali

Tra i chiarimenti contenuti nella circolare n. 17/E del 29 aprile 2016 dell’Agenzia delle Entrate sui pagamenti delle somme dovute a seguito di controlli dell'Agenzia dopo la  riforma attuata con il D.Lgs. n. 159/2015, viene precisato il caso del lieve inadempimento. In particolare, viene chiarito che, fermo restando che i contribuenti che pagano una rata in ritardo entro il termine della rata successiva non perdono il beneficio della rateazione, grazie alle nuove norme, la rateazione è salva anche nel caso in cui i contribuenti versino una delle rate in misura insufficiente, per una quota mancante però non superiore al 3% del totale e comunque per un importo non superiore ai 10.000 euro, oppure nel caso in cui la prima rata venga pagata con un ritardo non superiore a 7 giorni rispetto al termine di scadenza del pagamento. La circolare spiega cosa il contribuente deve fare in questi casi (versamento carente o tardivo) per ravvedersi ed evitare così l’iscrizione a ruolo da parte dell’Ufficio.

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154