FISCO » Agevolazioni per le persone fisiche » Agevolazioni Covid-19

Invio domande per i Voucher internazionalizzazione: proroga al 4 dicembre

28 Novembre 2017 in Notizie Fiscali

Proroga termine di apertura dello sportello per l’invio delle domande di accesso al voucher alle ore 12.00 del 4 dicembre 2017.

Visto l'interesse manifestato dalle imprese e l'elevato numero di accessi alla fase di registrazione, al fine di garantire a tutte le richiedenti una assistenza tecnica puntuale, con decreto del Direttore Generale per le politiche di internazionalizzazione e la promozione degli scambi del 27 novembre 2017 è stato prorogato il termine di apertura dello sportello per l’invio delle domande di accesso al Voucher per l’internazionalizzazione, alle ore 12.00 del 4 dicembre 2017.

Le imprese potranno presentare le domande di accesso fino alle ore 16.00 del 6 dicembre 2017.
Nel caso in cui le domande pervenute esauriscano le risorse finanziarie disponibili prima del termine previsto, lo sportello agevolativo potrà essere chiuso anticipatamente.

Quindi, a partire dalle ore 12.00 del 4 dicembre 2017 e fino al termine ultimo delle ore 16.00 del 6 dicembre 2017, le micro, piccole e medie imprese costituite in qualsiasi forma giuridica, e le reti di imprese, potranno inviare esclusivamente online, le domande di accesso (completate e firmate digitalmente) ai voucher per l'internazionalizzazione, finalizzati a sostenere le PMI e le reti di imprese nella loro strategia di accesso e consolidamento nei mercati internazionali.

L'invio dovrà avvenire esclusivamente online, utilizzando la  Carta nazionale dei servizi (CNS) attraverso la procedura informatica all'indirizzo https://agevolazionidgiai.invitalia.it/Index.html nella sezione “Accoglienza Istanze” e cliccando sulla misura “Voucher per l'internazionalizzazione – Soggetti beneficiari”.

Per maggiori informazioni è possibile contattare l'help desk alla mail exportvoucher@mise.gov.it.

Ricordiamo che i beneficiari dell'agevolazione sono le micro, piccole e medie imprese (PMI), costituite in qualsiasi forma giuridica, e le Reti di imprese tra PMI, che abbiano conseguito un fatturato minimo di 500 mila euro nell’ultimo esercizio contabile chiuso. Tale vincolo non sussiste nel caso di Start-up iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, di cui art. 25 comma 8 L.179/2012, e che due sono le tipologie di agevolazioni:

Voucher “early stage”:

Voucher di importo pari a 10.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 13.000 al netto di IVA.
Il contratto di servizio, stipulato con uno dei soggetti iscritti nell’elenco società di TEM del Ministero, dovrà avere una durata minima di 6 mesi.
Il voucher è pari a 8.000 euro per i soggetti già beneficiari a valere sul precedente bando (DM 15 maggio 2015).

Voucher “advanced stage”:

Voucher di importo pari a 15.000 euro a fronte di un contratto di servizio pari almeno a 25.000 al netto di IVA.
Il contratto di servizio, stipulato con uno dei soggetti iscritti nell’elenco società di TEM del Ministero, dovrà avere una durata minima di 12 mesi.
È prevista la possibilità di ottenere un contributo aggiuntivo pari a ulteriori euro 15.000 a fronte del raggiungimento dei seguenti obiettivi in termini di volumi di vendita all’estero:

  • incremento del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri registrato nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, rispetto al volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri conseguito nel 2017, deve essere almeno pari al 15%;
  • incidenza percentuale del volume d’affari derivante da operazioni verso Paesi esteri sul totale del volume d’affari, nel corso del 2018, ovvero nel corso del medesimo anno e fino al 31 marzo 2019, deve essere almeno pari al 6%.
Allegati:

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154