FISCO » Agevolazioni per le persone fisiche » Agevolazioni Covid-19

Credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo 2017

15 Febbraio 2017 in Notizie Fiscali

Il credito d'imposta per le attività di ricerca e sviluppo è stato oggetto di chiarimenti nella Risoluzione 19 del 14 febbraio 2017, con cui l'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti sull'ammissibilità di costi sostenuti da un'impresa per l'acquisto di un lotto che comprende brevetti, marchi e disegni, derivanti dal fallimento di un'altra società. La norma riconosce un credito di imposta alle imprese che effettuano investimenti in attività di ricerca e sviluppo a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019.

In particolare, la società interpellante ha dichiarato di aver svolto nell'esercizio 2015 e di continuare a svolgere attività di ricerca e sviluppo, in relazione alla quale ha sostenuto vari costi, tra i quali quelli per l'acquisto in lotto di numerosi marchi, brevetti e disegni derivanti dal fallimento di un'altra società. Nel merito, l'istante ha chiesto di conoscere:

  • se l'acquisizione di brevetti (per invenzione e per modelli di utilità), marchi e disegni rientri nella definizione di "privative industriali", richiamata dal comma 6, lettera d), dell'articolo 3
  • in caso affermativo, se il relativo costo sia da considerare eleggibile all'agevolazione, considerato che tali beni immateriali sono stati acquistati da una società sottoposta a procedura fallimentare
  • come valorizzare il costo dei singoli beni, tenuto conto che i documenti di acquisto riportano solo il costo complessivo e non quello unitario dei medesimi beni
  • se, da ultimo, ai fini del calcolo della media degli investimenti, debba considerare o meno gli eventuali costi, inerenti alle citate privative industriali, sostenuti dalla società cedente.

Con riferimento al primo quesito,la risoluzione ha chiarito che l'ammissibilità dei costi al credito d'imposta è soggetta a una duplice condizione: i costi devono essere inerenti alla ricerca e sostenuti durante lo svolgimento delle attività di R&S. Stante il rispetto dei suddetti vincoli, sono ammissibili all'agevolazione solo i costi riferiti a "brevetti per invenzione e brevetti per modelli di utilità".

Quanto al secondo dubbio interpretativo, la risoluzione ha ritenuto ammissibili i costi sostenuti per l'acquisizione di privative da soggetti terzi e, quindi, anche da una procedura fallimentare di altra società.

Rispetto al terzo quesito l'Agenzia conferma che il credito d'imposta si applica sulle spese effettivamente sostenute e non su valori forfettari medi, calcolati dividendo il costo complessivo sostenuto dall'istante per il numero dei singoli beni immateriali. Tale documentazione dovrà essere idonea a dimostrare, in sede di controllo,

  • l'ammissibilità,
  • l'effettività,
  • l'inerenza delle spese sostenute.

La soluzione suggerita dall'Agenzia consiste nell'adottare un criterio di ripartizione della spesa fondato sull'incidenza percentuale del valore normale del singolo bene rispetto al valore normale complessivo del lotto di beni acquistato. A tal fine, è opportuno predisporre una relazione di stima del valore normale dei singoli beni a supporto dei costi indicati per ciascun bene immateriale.

Quanto, infine, all'ultimo quesito, la risoluzione precisa che gli investimenti sostenuti dalla società fallita per la realizzazione dei brevetti in esame "non possono essere imputati, ai fini del calcolo della media di riferimento …(alla società istante), in quanto le posizioni soggettive … non si trasferiscono in caso di operazioni fiscalmente realizzative e la cessione in questione – coinvolgendo una procedura fallimentare – avviene tra parti indipendenti". Ne consegue che i costi sostenuti dalla società cedente non entreranno a far parte del calcolo della media degli investimenti previsto per determinare la misura del credito d'imposta in R&S.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154