LAVORO » Lavoro » Rubrica del lavoro

Comunicazione”puntuale” dei criteri di scelta anche nel licenziamento collettivo

12 Luglio 2013 in Notizie Fiscali
Fonte: Fisco e Tasse
In tema di procedura di mobilità la Corte di Cassazione con sentenza del 10 luglio 2013, n. 17119, ha stabilito che la previsione, di cui all’art. 4, nono comma, legge n. 223 del 1991, secondo cui il datore di lavoro, nella comunicazione preventiva , deve dare una "puntuale indicazione" dei criteri di scelta e delle modalità applicative, comporta che, anche quando il criterio prescelto sia unico, il datore di lavoro deve provvedere a specificare nella detta comunicazione le sue modalità applicative. Solo così tale comunicazione può raggiungere quel livello di adeguatezza sufficiente a porre in grado il lavoratore di percepire perché lui – e non altri dipendenti – sia stato destinatario del collocamento in mobilità o del licenziamento collettivo e, quindi, di poter eventualmente contestare l’illegittimità della misura espulsiva.
 

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154