FISCO » Accertamento e riscossione » Antiriciclaggio

Antiriciclaggio: rafforzata la tracciabilità in banca

24 Settembre 2012 in Notizie Fiscali

Il Decreto approvato il 14 settembre 2012 dal Governo, correttivo del D. Lgs. n. 141/2010 sul credito al consumo e in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, apporta nuove modifiche alla normativa antiriciclaggio di cui al D. Lgs. n. 231/2007. In particolare, viene previsto che la banca, nel caso in cui non sia in grado di adempiere gli obblighi di adeguata verifica della clientela (perché, ad esempio, il cliente non fornisce tutte le informazioni richieste), ha l’obbligo restituire i fondi al cliente solo tramite bonifico, accompagnato da un messaggio alla controparte bancaria in cui si indica che le somme sono accreditate per l’impossibilità di rispettare gli obblighi di adeguata verifica. Fornita, inoltre, un’interpretazione autentica secondo la quale è punibile non solo la condotta dell’emittente (traente) di assegni irregolari (privi della clausola di non trasferibilità o del nome del beneficiario), ma anche la condotta di chi li trasferisce e li presenta all’incasso.

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154