PMI » Agevolazioni e Controllo PMI » Contribuenti minimi

Nuovi minimi: i chiarimenti dell’Agenzia sulla disciplina del nuovo regime di vantaggio

30 Maggio 2012 in Normativa

L’Agenzia delle Entrate con Circolare del 30 maggio 2012 n. 17/E ha fornito chiarimenti sui punti più significativi del nuovo regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (nuovi minimi) modificato con la Manovra Correttiva 2011 (D.L. 6 luglio 2011, n. 98).

In particolare i punti toccati riguardano la durata de regime fiscale di vantaggio, i requisiti per l’accesso e le caratteristiche stesse del regime.

Indice della Circolare:

PREMESSA
2 DURATA DEL REGIME FISCALE DI VANTAGGIO, REQUISITI OGGETTIVI E SOGGETTIVI
2.2 I nuovi requisiti per l’accesso al regime fiscale
2.2.1. Requisito comma 2, lettera a): mancato esercizio nei tre anni precedenti di un’attività artistica, professionale ovvero di impresa anche in forma associata o familiare
2.2.2. Requisito comma 2, lettera b): prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo
2.2.3. Requisito comma 2, lettera c): condizioni per il proseguimento di un’attività d’impresa svolta in precedenza da altro soggetto
2.3 I requisiti di cui all’articolo 1, commi 96 e 99 della legge n. 244 del 2007.
2.4 Soggetti che hanno iniziato l’attività dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2011 : principi generali e disposizioni transitorie
3 INGRESSO NEL REGIME FISCALE DI VANTAGGIO
3.1 Adempimenti per accedere al regime fiscale di vantaggio
3.1.1. Soggetti che iniziano l’attività dal 1° gennaio 2012
3.1.2. soggetti che hanno iniziato l’attività successivamente al 31 dicembre 2007 e transitano nel regime dal 1° gennaio 2012
4 DISAPPLICAZIONE O USCITA DAL REGIME
4.1 Opzione per il regime ordinario, per il regime delle nuove iniziative imprenditoriali o di lavoro autonomo di cui all’art. 13 della legge n. 388 del 2000 ovvero per il regime contabile agevolato
5. CARATTERISTICHE DEL REGIME FISCALE DI VANTAGGIO
5.1 Determinazione del reddito assoggettato all’imposta sostitutiva
5.2 Semplificazioni ed adempimenti contabili e fiscali
5.3 Ulteriori caratteristiche del regime disciplinate dalla legge n. 244 del 2007
5.3.1. Divieto di rivalsa e di detrazione dell’IVA sugli acquisti
5.3.2. Rettifica dell’IVA ex articolo 19-bis2 del dPR n. 633 del 1972
6.1. Casi particolari concernenti i requisiti di accesso e permanenza nel regime fiscale di vantaggio
6.1.1. Conseguimento di un ammontare di ricavi non superiore a 30.000 euro per accedere o permanere nel regime
6.1.2 Prosecuzione di altra attività precedentemente svolta dal collaboratore dell’impresa familiare
6.1.3 Acquisto nel triennio precedente di beni strumentali per un ammontare complessivo non superiore a 15.000 euro

Allegati:

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154