FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Dichiarazione omessa, i chiarimenti dell’Agenzia sul credito d’imposta

28 Giugno 2013 in Normativa
Il credito fiscale maturato in un anno per il quale la dichiarazione è stata omessa, ma comunque scomputato in una dichiarazione successiva, può essere riconosciuta dall’ufficio in sede di verifica della comunicazione di irregolarità, senza dover attendere la mediazione o la conciliazione giudiziale. Lo stabilisce la Circolare n. 21/E del 25 giugno 2013 dell’Agenzia delle Entrate che integra le indicazioni operative contenute nella circolare n. 34/E del 6 agosto 2012. . Resta fermo, chiarisce l’Agenzia, che "trattandosi di una comunicazione di irregolarità legittima, poiché si basa su un comportamento omissivo del contribuente, sono dovuti gli interessi e la sanzione sulla parte di credito effettivamente utilizzata".
 
Allegati:

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154