FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Decreto Salva Roma-ter pubblicato in G.U.

2 Maggio 2014 in Normativa
Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 2 maggio 2014, n. 68 (in G.U. 5/5/2014, n. 102).
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 54, il D.L. n. 16 del 6 marzo 2014, contenente disposizioni urgenti in materia di finanza locale, nonché misure volte a garantire la funzionalità dei servizi svolti nelle istituzioni scolastiche (c.d. “Salva Roma-ter”).
 
Nel decreto, oltre alle norme per Roma Capitale, è contenuta la norma sulla Tasi e sulla Tari. L’aliquota massima della Tasi (tributo sui servizi indivisibili) per l’anno 2014 per ciascuna tipologia di immobili può essere aumentata complessivamente fino a un massimo dello 0,8 per mille complessivo per finanziare detrazioni d’imposta o altre misure agevolative sulla prima casa. Il versamento della Tasi avviene mediante modello F24 e/o bollettino di conto corrente postale. Il versamento della Tari (tassa sui rifiuti) e della tariffa di natura corrispettiva può, invece, essere effettuato tramite modello F24 oppure tramite le altre modalità di pagamento offerte dai servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancari e postali. Il comune dovrà stabilire le scadenze di pagamento della Tari e della Tasi, prevedendo di norma almeno due rate a scadenza semestrale e in modo anche differenziato con riferimento alla Tari e alla Tasi. In ogni caso è consentito il pagamento in unica soluzione entro il 16 giugno di ciascun anno.
 
Il decreto prevede, inoltre, l’abrogazione solo parziale della Web tax (essa viene mantenuta per la tracciabilità dei pagamenti  elettronici per i servizi online).
 
Per quanto riguarda, invece, la rottamazione delle cartelle esattoriali, il decreto prevede che sarà possibile fino al 31 marzo 2014 aderire all’estinzione agevolata delle somme iscritte a ruolo entro il 31 ottobre 2013. Il termine ultimo per l’adesione era stato originariamente individuato dalla legge di stabilità nel 28 febbraio. Il beneficio per chi estingue il debito consiste nell’azzeramento degli interessi di mora e di quelli per ritardata iscrizione a ruolo.
 
Allegati:

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154