Bonus per la digitalizzazione degli alberghi: ecco il testo del decreto

17 Giugno 2015 in Normativa
Pubblichiamo il testo del Decreto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo del 12 febbraio 2015 contenente le disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di viaggi e tour operator.
 
Il presente decreto individua le necessarie disposizioni applicative per l'attribuzione del credito di imposta per la digitalizzazione, con riferimento, in particolare:
  1. alle tipologie delle spese eleggibili, alle soglie massime di spesa eleggibile, nonchè ai criteri di verifica e accertamento dell'effettività delle spese sostenute;
  2. alle procedure per l'ammissione delle spese al credito d'imposta, e per il suo riconoscimento e utilizzo;
  3. alle procedure di recupero nei casi di utilizzo illegittimo del credito d'imposta medesimo;
  4. alle modalità per garantire il rispetto del limite massimo di spesa.
Si ricorda che il bonus, esteso anche alle agenzie di viaggi ed ai tour operators specializzati nel turismo "incoming", era stato previsto dal Decreto cultura e turismo (D.L. n. 83/2014, convertito nella Legge n. 106/2014), lo stesso decreto che ha introdotto il più famoso "Artbonus".
Il credito d'imposta è pari al 30% dei costi sostenuti, da ripartire in 3 quote annuali di pari importo, ed è riconosciuto fino ad un massimo di 12.500 euro e comunque fino all'esaurimento delle risorse disponibili.
 
La domanda dovrà essere presentata dal 13 al 24 luglio 2015.
 
Le spese ammissibili sono:
  1. spese per impianti wi-fi, eleggibili a condizione che l'esercizio ricettivo di cui all'art. 2, comma 1, del decreto metta a disposizione dei propri clienti un servizio gratuito di velocità di connessione pari ad almeno 1 Megabit/s in download: acquisto e installazione di modem/router; dotazione hardware per la ricezione del servizio mobile (antenne terrestri, parabole, ripetitori di segnale);
  2. spese per siti web ottimizzati per il sistema mobile: acquisto di software e applicazioni;
  3. spese per programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, purche' in grado di garantire gli standard di interoperabilita' necessari all'integrazione con siti e portali di promozione pubblici e privati e di favorire l'integrazione tra servizi ricettivi ed extra-ricettivi: acquisto software; acquisto hardware (server, hard disk);
  4. spese per spazi e pubblicita' per la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio: contratto di fornitura spazi web e pubblicita' on-line;
  5. spese per servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale: contratto di fornitura di prestazioni e di servizi;
  6. spese per strumenti per la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalita' per persone con disabilita': contratto di fornitura di prestazioni e di servizi; acquisto di software;
  7. spese per servizi relativi alla formazione del titolare o del personale dipendente: contratto di fornitura di prestazioni e di servizi (docenze e tutoraggio).
Allegati:

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154