FISCO » Accertamento e riscossione » Ravvedimento

Base di calcolo degli interessi moratori per ravvedimento

14 Luglio 2008 in Normativa

In caso di anno bisestile, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che gli interessi moratori dovuti in caso di ravvedimento operoso della violazione di omesso versamento del tributo o di parte dello stesso vanno calcolati indicando al denominatore del rapporto 365, cioè il numero di giorni che compone l’anno civile.

Ai fini del calcolo degli interessi moratori dovuti per ritardo nel versamento del tributo, si applica la formula dell’interesse semplice al capitale (pari all’importo del tributo), per i giorni del calendario civile che decorrono dalla scadenza del termine previsto per l’adempimento al giorno in cui si effettua il versamento, secondo la seguente formula:

I = C x R x N/365

dove C è il capitale (nel caso di specie, l’imposta da versare), R è il saggio d’interesse legale, N è il numero di giorni di ritardo e 365 è il numero di giorni di cui è composto l’anno civile.

Allegati:

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154