PRIMO PIANO

Attivita’ di ricerca e sviluppo e credito d’imposta – ulteriori chiarimenti

13 Giugno 2008 in Normativa

L’Agenzia delle Entrate fornisce ulteriori chiarimenti in merito all’applicazione del credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo (Art. 1, commi da 280 a 284 della legge 27 dicembre 2006, n. 296).

INDICE:

PREMESSA

1. SOGGETTI BENEFICIARI
1.1 Attività di ricerca svolta per conto di terzi
1.2 Contratti stipulati con università private
1.3 Attività di ricerca commissionata a soggetti non residenti
1.4 Attività di ricerca svolta all’estero
1.5 Attività di ricerca commissionata a società del gruppo
1.6 Imprese in difficoltà finanziaria

2. ATTIVITÀ AMMISSIBILI
2.1 Attività di ricerca e sviluppo ammissibili

3. COSTI AMMISSIBILI
3.1 Modifiche apportate dalla legge finanziaria 2008
3.2 Contratti stipulati con università ed enti pubblici di ricerca
3.3 Trattamento contabile dei costi
3.4 Cumulo con altre agevolazioni
3.5 Rilevanza della deduzione IRAP
3.6 Costi di strumentazione e attrezzature in dotazione
3.7 Imprese che applicano i principi IAS
3.8 Attività di ricerca svolta dagli amministratori

4. DOCUMENTAZIONE DA PREDISPORRE
4.1 Personale impiegato nel 2007
4.2 Personale con contratto a progetto
4.3 Documentazione da predisporre
4.4 Costi per ricerca contrattuale
4.5 Controfirma della documentazione

5. UTILIZZO E RILEVANZA DEL CREDITO D’IMPOSTA
5.1 Utilizzo del credito d’imposta
5.2 Rilevanza del credito d’imposta

Allegati:

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154