FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

accertamento delle imposte sui redditi – prelevamenti non giustificati dai conti correnti bancari

8 Giugno 2005 in Normativa

Intitolazione:

Imposte e tasse – Accertamento delle imposte sui redditi – Imprenditore – Prelevamenti non giustificati dai conti correnti bancari – Presunzione che si tratti, detratti i relativi costi, di ricavi – Denunciata violazione del principio di capacità contributiva e irragionevolezza – Non fondatezza della questione.

Massima:

E’ manifestamente infondata, in relazione agli artt. 3 e 53 Cost., la questione di legittimità costituzionale dell’art. 32, primo comma, numero 2), del DPR n.600/1973, nella considerazione che, in tema di accertamento sui conti correnti bancari, i prelievi del contribuente che non risultano dalle scritture contabili non possono godere delle deduzioni dei correlati costi ai fini del corretto riscontro del reddito imponibile e pertanto il contribuente ha l’onere di indicare il beneficiario delle somme oggetto di "rilievo".

(Massima redatta dal Servizio di documentazione Economica e Tributaria)

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154