2 per mille ai partiti politici: pronta la scheda per la destinazione

7 Aprile 2014 in Normativa
Con Provvedimento del 3 aprile 2014 sono state approvate la scheda con relative istruzioni per la scelta della destinazione volontaria del due per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche in favore di un partito politico per l’esercizio finanziario 2014, oltre ad aver definito le modalità di presentazione e trasmissione della stessa, da parte di contribuenti, sostituti d’imposta, uffici postali e intermediari abilitati.
 
Si ricorda che il decreto legge 28 dicembre 2013, n. 149, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 2014, n.13, abolisce il finanziamento diretto ai partiti ed introduce un sistema di contribuzione volontaria. In particolare, l’articolo 12 del citato decreto ha previsto che ciascun contribuente possa destinare il due per mille della propria Irpef a favore di un partito politico. Le destinazioni volontarie del due per mille dell’Irpef sono stabilite esclusivamente sulla base delle scelte effettuate dai contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi ovvero dai contribuenti esonerati dall’obbligo di presentare la dichiarazione, mediante la compilazione di una scheda recante l’elenco dei soggetti aventi diritto.
 
Possono utilizzare la scheda per effettuare la scelta della destinazione volontaria del due per mille dell’Irpef in favore dei partiti politici i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi Modello 730/2014 o Modello Unico persone fisiche 2014 ovvero i contribuenti che, seppure titolari di redditi, sono esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione.
 
Modalità di presentazione della scheda
La scheda può essere trasmessa telematicamente o consegnata in formato cartaceo con le seguenti modalità:
  • con il canale telematico diretto da parte del singolo contribuente (mediante l’utilizzo dei servizi telematici dell’Agenzia a cui si accede tramite pin code);
  • in una normale busta di corrispondenza al sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale, ai soggetti incaricati della
    trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali (Caf e altri intermediari) o presso gli uffici postali; sulla busta di corrispondenza, debitamente sigillata e contrassegnata sui lembi di chiusura dal contribuente, devono essere apposti la dicitura “Scelta per la destinazione volontaria del due per mille dell’Irpef”, il codice fiscale, il cognome e il nome del contribuente.
I contribuenti che presentano la dichiarazione in forma congiunta devono inserire le schede per destinare il due per mille dell’Irpef in due buste distinte.
Termini di consegna o trasmissione telematica della scheda
I contribuenti, compresi quelli esonerati dagli obblighi dichiarativi, presentano la scheda secondo le ordinarie scadenze relative alla dichiarazioni fiscali e comunque entro il termine per la presentazione telematica del Modello Unico Persone Fisiche 2014.
 
Allegati:

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154