FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Vi è un ammontare limite per procedere alla rateazione degli importi iscritti a ruolo?

2 Luglio 2013 in Domande e risposte

In tema di rateazione, vige una distinzione fondamentale, in funzione dell’importo debitorio, a seconda che sia superiore ad Euro 50.000,00 o meno; a tal fine, occorre prendere in considerazione le somme iscritte a ruolo residue e, di conseguenza, al netto di eventuali sgravi e/o pagamenti parziali e senza includere gli interessi di mora, gli aggi, le spese esecutive ed i diritti di notifica della cartella.
Se un soggetto presenta un’istanza motivata di rateazione per un importo uguale o inferiore ad Euro 50.000,00, vi è la concessione automatica della dilazione, con  un massimo di 72 rate mensili.

Per il soggetto che  richiede una dilazione per un importo iscritto a ruolo di ammontare superiore ad Euro 50.000,00, invece,  la concessione della rateazione è subordinata alla  autocertificazione di situazione di difficoltà economica  ma senza particolare documentazione.

La dilazione  può arrivare anche ad un massimo di   120 rate mensili come previsto dal recente decreto del Governo Letta n. 69/2013  del 21 giugno 2013 per il quale si attendono però ulteriori specifiche sui requisiti per ottenere il benefici,o attraverso un  decreto ministeriale .

Per maggiori approfondimenti acquista l’ebook della Dott.ssa Donati Antonella con tutte le novità del Decreto del fare (D.L. 21 giugno 2013, n. 69)

 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154