FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Qual è l’ambito applicativo della disciplina dell’accertamento esecutivo dal 1° ottobre 2011?

3 Ottobre 2011 in Domande e risposte

La nuova disciplina si applica:
• agli accertamenti sulle imposte dirette, sull’Irap e sull’Iva e;
• ai relativi provvedimenti di irrogazione delle sanzioni, a partire dagli atti emessi dal 1° ottobre 2011 relativi ai periodi d’imposta in corso al 31.12.2007 e successivi;
• agli avvisi successivi all’originario avviso di accertamento, da notificare al contribuente nei casi di rideterminazione degli importi dovuti per:

  • mancato pagamento delle rate successive alla prima dovute a seguito di accertamento con adesione;
  • riscossione provvisoria dei tributi e delle sanzioni in pendenza di giudizio;
  • mancato pagamento delle somme dovute per effetto dell’adesione ai verbali di constatazione e anche di una sola delle rate successiva alla prima, in seguito all’adesione agli inviti a comparire dell’Agenzia delle Entrate (secondo l’Istituto di ricerca del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili).

Sono, invece, esclusi dalla nuova disciplina i casi di omesso versamento delle somme rateizzate risultanti dalle comunicazioni degli esiti dei controlli automatici o formali delle dichiarazioni. In questi casi, infatti, si tratta di avvisi che contengono una volontà impositiva ancora in itinere, e non formalizzata in un atto definitivo.

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154