FISCO » IRPEF » Redditi di Capitale

Partecipazione qualificata e non qualificata: quali conseguenze?

26 Marzo 2018 in Domande e risposte
Sono partecipazioni qualificate quelle che – nel caso gli strumenti finanziari siano quotati su mercati regolamentati – consentono una percentuale di voto superiore al 2% o che siano relative a una partecipazione al capitale (patrimonio) superiore al 5%.
Se lo strumento finanziario non è quotato su mercati regolamentati le percentuali salgono, rispettivamente, al 20% (diritto di voto) e al 25% (patrimonio).
 
Partecipazioni non qualificate sono invece quelle che hanno uno soglia pari o inferiore alle percentuali previste per quelle qualificate.
 
La distinzione che trova la sua fonte nell'art. 67 tel Tuir è importante per i riflessi fiscali relativi alla tassazione degli utili ed anche alla tassazione della cessione delle partecipazioni.
 
Dal 1 gennaio 2018 la distinzione tra partecipazioni qualificate e non qualificate non ha piu' rilevanza ai fini della tassazione che sarà unica per tutti nella misura del 26%.
Per le modalità di applicazione e il regime transitorio di rimanda all'articolo Dividendi e distribuzioni utili 2018: come devono essere tassati

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154