LAVORO » Lavoro » Stranieri in Italia

Che cosa e’ l’accordo di integrazione dei cittadini stranieri e cosa prevede?

5 Settembre 2014 in Domande e risposte
L’accordo di integrazione è un adempimento necessario per gli stranieri di età superiore ai sedici anni che entrano in Italia per la prima volta e richiedono un permesso di soggiorno di durata uguale o superiore a un anno. E’ un accordo tra l’immigrato e lo stato italiano che prevede da una parte che lo straniero accetti l’impegno ad integrarsi nella comunità italiana attraverso tre strumenti principali , che sono:
a) conoscenza della lingua italiana
b) conoscenza di leggi e usi della comunità italiana
c) impegno a garantire istruzione obbligatoria di eventuali figli minori.
 
Da parte sua lo Stato si impegna a sostenere il processo di integrazione con adeguate iniziative e procedure.
L’accordo ha una durata standard di un anno alla fine del quale viene verificato il raggiungimento degli obiettivi linguistici e civici.  Il mancato raggiungimento comporta la revoca del permesso di soggiorno.
Il raggiungimento degli obiettivi viene misurato in crediti formativi; al momento dell’entrata ogni cittadino straniero si vede attribuire automaticamente 16 crediti . Entro tre mesi dal momento dell’ingresso in Italia viene invitato a partecipare ad un periodo di formazione linguistica e civica che è di fatto obbligatorio in quanto la mancata presenza causa la perdita di 15 crediti. 
La situazione dei crediti formativi e le date delle sessioni formative sono consultabili nel sito ministeriale all’indirizzo: www.accordointegrazione.dlci.interno.it
 
 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154