FISCO » IRPEF » Redditi esteri

Ai fini della tassazione del reddito da lavoro all’estero, come si definisce la residenza fiscale del lavoratore ?

25 Marzo 2014 in Domande e risposte
L’articolo 2, comma 2, del d.P.R. 917/1986, qualifica ai fini delle imposte sul reddito come residenti “le persone che per la maggior parte del periodo di imposta sono iscritte nelle anagrafi  della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile”.
Gli elementi che determinano la residenza fiscale in Italia sono:
  •  l’iscrizione nelle anagrafi comunali della popolazione residente per la maggior parte del periodo  d’imposta (ossia 183 giorni l’anno o 184 per gli anni bisestili);
  •  il domicilio nel territorio dello Stato, ai sensi dell’articolo 43, comma 2, del codice civile;
  •  la residenza nel territorio dello Stato, ai sensi dell’articolo 43, comma 2, del codice civile.
Dal testo della norma, è chiaro che i predetti elementi sono tra loro alternativi ed è quindi sufficiente che si verifichi uno solo di essi, affinché un soggetto sia considerato fiscalmente residente in Italia.
Al contrario, quindi, per escludere il presupposto di residenza in Italia, è indispensabile invece che si realizzino tutti e tre i requisiti: – non deve avere la residenza in Italia né il domicilio e neppure deve essere iscritto nelle anagrafi italiane per più di sei mesi.
 
 
 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Mattavelli: Partner di impresa - Dottore Commercialista e Revisore Contabile - Partita IVA: 11883450154